Mustang, l'ultimo Tibet

mustang

 

dal 13 al 28 settembre 2018

Uno dei trekking più belli in Nepal per scoprire la cultura antica del Tibet. Oltre ad essere un trekking insolito in un ambiente selvaggio, quasi lunare, con le luci e i colori irreali, è un percorso di arte e cultura.

Dal verde delle risaie e delle foreste nepalesi alla ruvida bellezza del territorio del Mustang, promontorio della cultura e tradizioni tibetane, per ascoltare la voce del vento, il canto dei nomadi, liberi padroni degli spazi immensi sospesi fra il cielo e la terra.

Preservato dall’invasione di turisti, proibito agli stranieri fino ad alcuni anni fa e che ancora oggi accetta solo 1000 presenze all’anno, il Mustang offre paesaggi aridi e spettacolari, regala emozioni intense, dove il tempo fa  capriole all’indietro e le meraviglie create dall’uomo, gli imponenti monasteri,i villaggi fortificati e gli antichi stupa, si integrano con le meraviglie create dalla natura, le cime innevate del massiccio dell’Annapurna, del Nilghiri, del Tilicho, i deserti ad alta quota in una dimensione spazio temporale senza confini che fece dire a Milarepa, yogi indiano del 7°secolo “Lassù, tra le pietraie assolate si svolge ogni giorno uno strano mercato: puoi barattare il vortice della tua vita per una beatitudine senza confini”.

 

“Conoscere il Mustang significa conoscere non tanto un diverso luogo geografico, ma uno spazio temporale dove i ritmi sono scanditi da momenti che non sembrano appartenere all’epoca attuale e dove  l’estrema povertà è ripagata dalla bellezza della vita interiore di gran parte dei suoi abitanti” Pietro Verni da “L’ultimo Tibet”.

 

Un lembo di terra in Nepal dove tutto, ad ogni passo, è tibetano,dal paesaggio alla lingua, dalla gente ai monasteri, il paesaggio diventa lunare, le rocce assumono riflessi e forma irreali, come delicate immagini del sogno

 


In collaborazione con MantUnitour & Partytour 
Marco Visini 0376-357324  
www.mantunitour.it



13  settembre     Ritrovo dei partecipanti all’aeroporto di Milano Malpensa e imbarco sul volo di linea Turkish airlines. Cambio aeromobile a Istanbul e  proseguimento. Pasti e pernottamento a bordo.

14   Arrivo a Kathmandu alle ore 6,30. Incontro con l'accompagnatrice e trasferimento  Apsara boutique hotel Sistemazione in hotel. Pranzo libero. Nel pomeriggio passeggiata nel quartiere Thamel, affollato e colorato bazr, paradiso dello shopping. Cena di benvenuto e pernottamento in hotel.

15   Dopo la colazione trasferimento all'aeroporto e imbarco sul volo per Pokhara.. Trasferimento in hotel. Pranzo libero. Passeggiata sul lungolago e visita al tempio in mezzo al lago. Cena libera. Pernottamento all'hotel Da Yatra.

16   Dopo colazione con la jeep inizia lo spostamento per raggiungere Jomsom, lungo la strada che prima era la via di trekking, fra villaggi, gole profonde e cascate. Arrivo a Jomsom a 2800 metri di altitudine. Il villaggio    si estemde su entrambe le rive del fiume Kali Gandaki, sotto la cornice spettacolare del Tukuche e del Nilghiri..Era la via commerciale fra l'India e il Tiber. percorsa da carovane di yak e ora da camion e jeep.,Pranzo e cena liberi. Pernottamento nel lodge.

17  Dopo la colazione e dopo aver sbrigato le formalità  dalla polizia, iniziamo il cammino facilesul greto del fiume Kaligandaki, in un ambiente arido, battuto dal vento, ma affascinante. Sosta  al minuscolo insediamento di Eklabhati. Proseguimento  Raggiungiamo  Kagbeni (2810 metri), porta del Regno del Mustang, alla confluenza dei fiumi Jhong Kola e Kaligandaki e sullo sfondo le vette del Nilgiri, a pià di 7000 metri. Visita all’antico monastero, alle strette strade, ai campi coltivati circostanti, per osservare la vita quotidiana degli abitanti, in un’atmosfera medioevale. Colazione, pranzo e cena liberi. Pernottamento nel lodge ( circa 3,30 ore di facile cammino).

18      Dopo aver sbrigato le minuziose formalità di controllo, seguiamo il sentiero che sale rapidamente, con continui saliscendi lungo la sponda del fiume con la vista del Nilghiri Peak, lasciamo la valle del KaligandakiIl ritmo lento  del nostro cammino farà si che la fatica sarà ricompensata dalla vista delle montagne, Dopo circa 4 ore di cammino raggiungiamo il piccolo villaggio di Tangbe , con gli stupa colorati tipici di questa regione, il dedalo di piccoli vicoli e i campi terrazzati coltivati. Raggiungiamo il villaggio di Chuksang per un falsopiano e con una breve salita arriviamo a  arriviamo a Chele  (3050 metri), Colazione, pranzo e cena liberi. Pernottamento nel lodge   (circa 6 ore di cammino).

19      L’itinerario, sempre in salita, segue le rientranze della parete, in un  territorio desertico fino a raggiungere un passo a 3770 metri. Continuando verso nord si scende rapidamente fino al villaggio di Shyammochen (3800 metri).Colazione, pranzo e cena liberi. pernottamento nel lodge ( circa 6 -7 ore di cammino).

20      Atraversando minuscoli e caratteristici villaggi, il sentireo prosegue fino a Geling, a 3570 metri,con i pioppie le sue vaste coltivazioni di orzo.  ,sale di quota e attraversando i campi si raggiunge l'esteso villaggio di Drakmar. (Circa  6 ore di cammino).

21   In un paesaggio sempre più spettacolare, con pareti rocciose colorate e il muro di pietre  “mani” più lungo del Nepal che, racconta la leggenda, siano state colorate dal sangue di un drago che infestava la zona, il sentiero si inerpica fino al passo Choya La a 3870 metri, per poi riprendere in una dolce discesa fino a Charang a 3560 metri. Colazione   pranzo e cena liberi. Pernottamento i nel lodge.

22   Il sentiero scende dolce e poi si inerpica ripido fra le rocce fino a raggiungere un crinale a 3580 metri di altitudine.. Ancora un altro passo, il Lo La a 3950 metri da cui si gode una spettacolare vista su Lo Manthang, chiusa dalle mura.. Uaa breve discesa porta all'altopiano di Lo Manthang a 3730 metri,e il villaggio si presenta come una dimenticata favola dell’Oriente: e’ forse il momento più intenso del trekking  che ripaga della fatica dei giorni di cammino . Colazione pranzo e cena liberi.Pernottamento in lodge  (circa 5 ore di cammino) .. Nel pomeriggio visitiamo  la cittadina chiusa da bianche mura il cui accesso è possibile solo da una porta. Visitiamo i maestosi monasteri che , nel buio delle grandi sale, racchiudono tesori architettonici e pittorici , assistiamo alla quotidianità della vita degli abitanti che cercano di conservare strenuamente la cultura e le tradizioni tibetane. Colazione, pranzo e cena liberi. Pernottamento in hotel.

23   Giornata dedicata alla visita dei dintorni di Lo Manthang, per assaporare l'atmosfera unica di questi posti che ricompensano dalla fatica delle ore di cammino. Colazione, pranzo e cena liberi. Pernottamento nel lodge.

24  A malincuore lasciamo Lo Manthang e con la jeep, percorrendo la nuova strada, ritorniamo a Jomsom, conservando nel cuore la bellezza dei posti visitati.Colazione, pranzo e cena liberi. Pernottamento nel lodge.

25   Dopo colazione riprendiamo la jeep per tornare a Pokhara. Colazione, pranzo e cena liberi.

26   Colazione in hotel e trasferimento all'aeroporto. Volo per Kathmandu e visita   di Pashupatinath, luogo sacro per gli induisti sul fiume Bagmati. Con discrezione assistiamo alle cremazioni sul fiume, visitiamo  la zona sacra Deopatan, ”il giardino degli Dei” e proseguimento per Boudanath, centro della cultura tibetana, dominata dal gigantesco stupa che circombuliamo sotto gli occhi benevoli di Buddha insieme ai monaci e ai pellegrini. Pranzo libero. Rientro a Kathmandu. Cena e pernottamento in hotel.

27   Dopo la colazione visita del centro storico di Kathmandu, città sorprendente, ricca di tesori di straordinaria bellezza ma anche città dai forti contrasti e proprio per questo affascinante. Gli imponenti templi di Shiva e Vishnu nella piazza del Palazzo reale, il mito della Dea bambina vivente, le piazze antiche che costituiscono il cuore della città vecchia, i piccoli negozi di spezie: il fascino di kathamndu e’ rimasto immutato nonostante i notevoli cambiamenti degli ultimi anni. Pranzo in centro. A piedi ritorniamo in Thamel., attraversando il mercato di Asan Tole, cuore della città. Cena e pernottamento in hotel.

28   Al mattino presto trasferimento all'aeroporto e imbarco sul volo alle 7, 20, éasti a borso. Cambio aeromobile a Istanbul e arrivo alla Malpensa.

 

[minimo 10 pax]   

 

La quota comprende

  • volo di linea in classe economica Milano-Kathmandu-Milano  
  • volo Kathmandu-Pokhara-Kathmandu
  • pernottamento  con prima colazione a buffet a Kathmandu e Pokhara
  • pernottamenti nei lodges durante il trekking
  • 2 cene a Kathmandu
  • spostamenti interni come da programma
  • trasferimento da  e per l’aeroporto
  • entrata al parco nazionale dell’Annapurna (USD 29)
  • permesso di trekking nel Mustang (USD 500)
  • pagamento e assicurazione per lo staff di portatori e guida,
  • volo interno Kathmandu- Pokhara-Kathmandu  e tasse aeroportuali
  • assistenza dell'accompagnatrice  Genitrini Mariarosa  
  • assistenza della guida nepalese  e dell’ufficile di collegamento per tutta la durata del trekking

 

La quota non comprende

  • visto di ingresso in Nepal (euro 40) ottenibile all’aeroporto di Kathmandu dietro presentazione di un modulo accuratamente compilato e di una foto tessera
  • assicurazione medico-bagaglio-annullamento viaggio da richiedere al momento della prenotazione
  • assicurazione integrativa che copre anche eventuale evacuazione con l’elicottero in Nepal
  • colazioni, pranzi, cene e bevande durante il trekking
  • ingressi ai siti storico-religiosi di Kathmandu,  Pashupatinath e Boudanath (euro 23)
  • tutto quanto non espressamente indicato ne “la quota comprende”

 

Importante

E’ consigliato stipulare un’assicurazione integrativa che copre l’uso dell’elicottero in caso di necessità (calamità naturale, malattia ecc). In caso contrario i partecipanti divideranno la spesa per l’uso dell’elicottero.

La quota è stata calcolata in base ai costi e cambi in vigore alla data della stampa del presente programma (12 febbraio) e quindi soggetta a riconferma al momento dell’effettiva richiesta di prenotazione. Informiamo inoltre che la compagnia aerea può, senza alcun preavviso, richiedere eventuale supplemento per adeguamento costo carburante.

verni

 

 

 

 

 

 

Lettura consigliata: “l’ultimo Tibet”  Pietro Verni   ed.Tea